Passa ai contenuti principali

Recensione - Hot Girls Wanted (2015)


Hot Girls Wanted (2015) è un documentario prodotto e distribuito da Netflix, che molto sta facendo discutere per via dei contenuti: il film, infatti, va ad indagare su come vengano prodotti i porno amatoriali (come ad esempio quelli di RealityKings), partendo dalla provincia americana da cui, si dice nel film, la maggioranza delle pornostar provengono. Questo è un film su quelle che negli USA vengono chiamate un po' asetticamente sex workers: le attrici dei film porno che vengono venduti su internet.

Se ci tenete a sapere come nascano le produzioni porno amatoriali che vediamo ogni giorno (o quasi) su Youporn e affini, qui troverete la risposta. Impressiona anzituttol'età media delle attrici, che va dai 18 ai massimo 24 anni - non c'è dubbio su questo, visto che le attrici fanno principalmente porno di genere teen, fetish e (come si vede anche nella parte finale del film) anche qualcuno con declinazioni violente. Tutto finto e simulato, per carità, ma le ragazze ne escono segnate nella metà dei casi: su quattro attrici selezionate per il documentario, di fatto, solo una deciderà di abbandonare definitivamente l'ambiente dopo averci guadagnato quasi 25.000 dollari in 4 mesi (e marginando su un utile di soli 2000, alla fine). In molti casi, poi, varie pornostar si esibiscono anche in webcam con spettacoli in diretta, ed in alcuni casi continuano a farlo come libere professioniste in modo individuale.

La formula di base è sempre la stessa: il produttore ospita a casa propria le ragazze che riesce a trovare tramite annunci su Craiglists, il sito di annunci (mai arrivato in Italia) parecchio controverso negli USA, per via dello scarso controllo dei contenuti: ci possono postare annunci di ogni genere, ed in molti casi le ragazze rispondono con entusiasmo pur di sfuggire al controllo (spesso repressivo) delle rispettive famiglie. Il film mostra come il produttore tenda a creare un ambiente positivo in cui far stare le ragazze: cagnolini ovunque, massima cordialità, alcool e cene offerte, nessuna allusione sessuale nemmeno accennata fuori dal set. Poi i film vengono girati altrove, e le ragazze si alternano nelle varie prestazioni venendo pagate dai 300 dollari per un blowjob fino ad arrivare a circa un migliaio di euro per i forced blowjob. Le registe Jill Bauer e Ronna Gradus, peraltro, sottolineano come circa il 40% della pornografia sia di natura prettamente sessista e tenda a mostrare una donna sottomessa all'uomo, ma una delle attrici replica a riguardo che è meglio che la gente paghi per un porno (comunque simulato) che per fare gratuitamente quelle cose nella realtà, a qualche altra donna. La discussione rimane ovviamente molto controversa in merito, con più domande aperte che risposte effettivamente fornite.

Il film merita una visione se vi interessa il genere e vi va di curiosare, quindi. Piace molto meno il format, che in certi momenti ricorda quello di un "Grande Fratello" qualsiasi - ed in svariati punti sfiora il mieloso, oltre a tendere ad annoiare lo spettatore durante la visione dello stesso (probabilmente troppo diluito e troppo lungo, così come inesorabile nel suo incedere). Nonostante questo, un film che ha risposto ad una domanda che potrebbe incuriosire parecchi di noi, sia uomini che donne.

   

È possibile vedere Hot Girls Wanted su NetFlix.
Fai già la camgirl? Abbiamo aperto un piccolo sondaggio / intervista. Se ti va di rispondere, accettiamo anche risposte anonime. OK, voglio rispondere

Articoli più letti

Come fare la camgirl - i nostri suggerimenti

Più di 40,000 donne in Italia hanno trovato un modo pratico per guadagnare con internet: mettersi a fare la camgirl. Il porno classico in tutto il mondo non sembra più funzionare come prima: sono richieste nuove forme di intrattenimento, come ad esempio lo strip personalizzato, lo show su prenotazione. Sempre più donne italiane scelgono di esibirsi on line, negli spettacoli più fantasiosi e vari (dominazione, BSDM, fetish, masturbazione reciproca, JOI), nell'eccitazione - spesso reciproca - che solo una cam con uno sconosciuto può darti. Si tratta di una forma di tele-lavoro o lavoro da remoto che potrete fare sfruttando un PC ed una connessione ad internet.

Se sei incuriosita dal mondo delle camgirl e vuoi saperne di più, continua a leggere.

Per un giro d’affari enorme, da cui moltissime si stanno facendo tentare. I soldi che si possono fare sono tanti, e la webcam-girl è diventata una delle star di questi anni, tanto che pure in TV programmi come Le iene ne hanno parla…

Come pagare una camgirl

Se sei finito qui ti starai chiedendo come fare a pagare la camgirl che hai beccato per la prima volta: sembra gentile e disponibile, e tu vorresti tanto sapere come fare a pagare i suoi servizi. Come funziona il pagamento delle camgirl In generale devi sapere una cosa: non puoi pagare una camgirl utilizzando direttamente Paypal o la PostePay o una carta di credito, prima di tutto perchè potrebbe essere troppo complicato per lei ricevere i soldi. Secondariamente, devi considerare che le camgirl tengono molto, di solito, all'anonimato: se pagassi con PayPal sarebbe difficile per lei rimanere anonima, vedresti il suo nome reale e per questo non si può, semplicemente, fare in questo modo. Come fare allora a pagare la camgirl? Ci sono dei siti che fanno da tramite, in genere: tu devi andare come prima cosa nel sito dove la camgirl ha un suo account, e ricaricare lì mediante PostePay o bitcon o altri sistemi di pagamento. Fatto questo, avrai del credito da utilizzare (in diversi mod…

Sesso virtuale meglio di quello tradizionale! Intervista a Mario

Toglietevi dal viso quelle facce scandalizzate e quei sorrisetti sarcastici, prima di continuare a leggere. Questo è un'intervista di quelle ... sincere, è chiaro? Mario (nome di fantasia) ha 41 anni, lavora come consulente presso una ditta farmaceutica ed ha molti fetish in testa: uno di questi è il cybersex, la masturbazione reciproca con un'altra donna che stia dall'altra parte del cam. "E che goda e venga davvero, niente roba simulata" ci tiene a puntualizzare. L'intervista è stata concordata ed è avvenuta su Skype in videoconferenza qualche giorn fa - e, soprattutto, non è finita con una sessione di cybersex.

Ciao e benvenuto. Mi dici anzitutto cosa intendi per cybersex?

(ci pensa un po', ndr) Il cybersex per me include qualsiasi cosa possa dare gratificazione sessuale tramite l'uso di un computer. Io poi lo intendo in modo specialistico diciamo (sorride, ndr), ed il tutto varrebbe anche per i porno. Anche le donne li guardano (sembra la scopert…

La mia prima volta da camgirl

Non so chi troverò, non so cosa mi chiederanno di fare, non ho idea dell'età degli uomini che incontrerò: ma sono sicura di quello che sto per fare. Dovete sapere che ho deciso di lasciare questa testimonianza per raccontare a voi tutti cosa si prova a fare la camgirl: soddisfazioni, certo, paura ovviamente le prime volte, mi sono messa la mia fida mascherina, una lingerie che uso solo per le occasioni speciali e...

 Ho perso il lavoro da poco: sono stata un po' depressa, alla ricerca di un lavoro nuovo che potesse darmi qualche soddisfazione. Avevo bisogno di soldi per pagarmi le bollette, un po' come tutti alla fine. E allora cosa ho fatto? Ho deciso di diventare camgirl: se sono avete presente, sono queste ragazze qui. Capito adesso? ;-)

La verità è che sono eccitata da morire da questa nuova esperienza. E non devo l'ora di iniziare: mi preparo, mi sono registrata nel sito Mond*****irls e poi... via, il primo già mi contatta. Sembra gentile: mi chiede uno show econo…

Sesso in webcam (racconto erotico)

Sono un ragazzo molto timido, perciò sono sempre attaccato ad internet per cercare un pò di sesso virtuale, una sera ho conosciuto Tiziana, una bella donna sposata, a cui piaceva farsi vedere in webcam mentre scopava con il suo uomo. L’altra sera, ci siamo messi d'accordo, per farmi assistere ad una trombatina con suo marito, indossava una gonna che la fasciava e il suo corpo s’intravedeva tra le ombre e le luci della sua camera da letto, mi eccitava guardarla e fantasticavo, mentre rispondevo alle sue domande. Improvvisamente la vidi alzare dalla poltroncina e parlare con suo marito, guardavo incuriosito la scena e invidiavo quell’uomo. La mano di lui la cinse per i fianchi e lentamente mentre continuava a parlarle l’accarezzava sulle natiche e la scena mi piacque un mondo. Tiziana si girò diverse volte verso il monitor, forse con l’intenzione di spegnere il computer, ma le balenò in mente qualcosa e lo capii dal suo sorriso, diretto a me ospite nascosto. Non si sottrasse al suo…

Dovresti venire in privato - Hot Girls Wanted: Turned On

Una donna su tre non riesce a trovare un porno di suo gradimento: è questo uno dei presupposti da cui parte questa mini-serie documentaristica di Netflix, ricollegata al precedente primissimo episodio Hot Girls Wanted di cui abbiamo parlato su questo sito. Si tratta di una serie di interviste collegate tra di loro dall'indagine sul mondo della pornografia oggi, dagli esordi in VHS alle produzioni moderne in cui, sostanzialmente, sono stati abbattuti i costi a discapito della qualità e della bellezza delle immagini.  Questo in uno scenario in cui solo il 3% del pubblico che vede porno, ad oggi, è disposto a pagare per lo stesso: internet ha finito molto spesso per rendere tutto gratuito. La regista Erica Lust, ad esempio, parla ad esempio dell'idea di un crowdfunding erotico, ovvero dei cortometraggi da lei diretti ed ideati sulla base delle fantasie erotiche che gli vengono spontaneamente inviate dal suo pubblico. 
La partecipazione diretta del pubblico che possa finalmente i…